Archivio

Archivio Novembre 2008

Post Scriptum sulla phronesi di Tremonti.

30 Novembre 2008 Nessun commento

 

A proposito della phronesi di Tremonti – vedi post precedente -, è chiaro che Egli si contraddice quando, da un lato, parla della phronesi , ossia, della saggezza, della virtù che dovrebbe guidare le azioni degli uomini – implicitamente assumendo che le loro scelte possono essere diverse e, quindi, imprevedibili -, dall’altro, quando critica gli economisti che, in generale, "non ci prendono" o "non ci azzeccano" come direbbe Di Pietro. Qui l’assunto implicito è che l’economia sia una scienza esatta come quelle fisiche e questo è sbagliato. L’economia è una scienza sociale ed ha a che fare con i comportamenti degli uomini. In questi termini, questa confutazione vale anche per le recenti e medesime  critiche fatte  agli economisti  da Giovanni Sartori. Questi è un politologo e grande esperto di ingegneria costituzionale. Tremonti di diritto tributario. Il diritto è scienza sociale come l’economia. I giuristi pretendono la precisione dagli economisti ma non da se stessi. Perché loro, comunque, sono portatori  della c.d. cultura dell’orologio, del tutto previsto come lo scorrere del tempo e di meccanismi che infallibilmente lo misurano. Quando scrivono una costituzione o, più semplicemente, uno statuto, sulla carta, prevedono tutto: come si nomina il presidente, come lo si vota, cosa deve fare e non fare, come lo si sostituisce, ecc.. Poi, magari, il meccanismo non funziona perché gli uomini delle istituzioni non si comportano necessariamente secondo le norme studiate e scritte dai giuristi. Ma questo è un altro discorso, e gli economisti, rendono pan per focaccia ai giuristi, dicendo che le norme erano state scritte male.  

Prosegui la lettura…

Conversione di Tremonti alla finanza islamica?

28 Novembre 2008 Nessun commento

 

La ricerca ossessiva dell’evento mediatico che caratterizza l’operato dei Rettori delle maggiori università italiane ha portato quello della Cattolica di Milano ad invitare il prof. Giulio Tremonti a tenere la prolusione alla inaugurazione dell’anno accademico. Egli é pro-tempore Ministro dell’economia e delle finanze  e, come tale, autore del DL 112 convertito nella famigerata legge 133/2008, che taglia i fondi alle scuole di tutti i livelli e all’Università. Dalle cronache  non è dato di capire se il Rettore abbia chiesto qualche spiegazione al Ministro dell’economia e delle finanze  sui tagli. Probabilmente no. Del resto il tema  su cui Tremonti era chiamato a dire la sua era ben altro. Intendeva parlare  dell’economia sociale di mercato e dell’etica, volando alto. Sono note le qualifiche che il MEF ha nelle suddette materie. Commento il testo, probabilmente non rivisto,  pubblicato il giorno dopo da il Foglio.

Prosegui la lettura…