Archivio

Archivio Aprile 2009

Lo spettacolo è il programma.

 

Lo slogan degli studenti francesi del maggio 1968 era: "l’immaginazione al potere". Dopo la decisione di Berlusconi di spostare il G8 dall’isola della Maddalena all’Aquila, lo slogan del Presidente del Consiglio dei ministri potrebbe essere: "l’improvvisazione al potere".

Prosegui la lettura…

Niente sfida all’O.K. Corral tra Cina e USA.

 

Sembra un paradosso ma non lo è. La più grande potenza nominalmente ancora comunista la Cina, che ha riserve di dollari americani per 1.250 miliardi circa, collabora e fa del suo meglio per salvare la massima potenza capitalista del pianeta, gli USA. 10 anni fa viaggiando in Cina ho visto molte rosticcerie americane della catena Kentucky Fried Chicken come non ne ho visto precedentemente negli States. Recentemente ho letto sul WSJ che Val-Mart, la più grande catena di distribuzione al dettaglio, famigerata anche per le pratiche anti-sindacali e lo sfruttamento dei suoi dipendenti (per lo più a tempo parziale) e per questo pesantemente sanzionata dai giudici, si accinge a entrare alla grande in Cina e in India.

Prosegui la lettura…

Lo sfasciume pendulo sul mare.

10 Aprile 2009 2 commenti

 

Il Palazzo del Governo dell’Aquila sfasciato quasi totalmente dal terremoto.  E’ rimasta ben leggibile la scritta come su un foglio di carta stracciato. La foto ha fatto il giro del mondo e può considerarsi l’emblema dell’Italia. Cento anni dopo vale sempre la frase di Giustino Fortunato sull’assetto del territorio nel Mezzogiorno: "sfasciume pendulo sul mare".

Prosegui la lettura…

Non basta l’ottimismo di maniera per costruire il futuro.

 

A fronte delle continue revisioni al ribasso dei tassi della crescita economica e al rialzo di quelli della disoccupazione, ieri a Roma, chiudendo il Social Forum  in vista del G-8, il presidente Berlusconi sbotta nei confronti degli istituti di ricerca e dei giornalisti che li diffondono. Statevene zitti. Non disturbate il manovratore. Annuncia che proporrà un patto sociale al G-8 nientemeno. Ma perché non prova a proporlo in Italia e, magari, convincere la CGIL a firmarlo?

Prosegui la lettura…